Naves sardae
2008
Raimondo Zucca

Extrait de : "La Méditerranée autour de ses îles (édition électronique)"
sous la direction de Christian Emig, Christiane Villain-Gandossi et Patrick Geistdoerfer ; 128e congrès national des sociétés historiques et scientifiques, Bastia, 2003

Patrick Geistdoerfer, Alain Coutelle, Christian Emig, Jean Ferrandini, J. Gattacceca, A. Deino, M. C. Janin, Michelle Ferrandini, S. Saint-Martin, J.-P. Saint-Martin, J.-J. Cornée, Patrick Vidal, Alain Mante, Georges J. Aillaud, Isabelle Aillaud, Jan Berting, Christiane Villain-Gandossi, François-Noël Richard, Hélène Daret, Anne Merlin-Chazelas, Alessandro Fiori, Brigitte Bertoncello, Pierre-Jacques Olagnier, Dominique Garcia, Myriam Sternberg, Suzanne Gély, Anthony Pinto, Bernard Doumerc, Hubert Michéa, Éric Rieth, José Luis Cortés, Nicolas Pehau, Raimondo Zucca
Paris, Éditions du CTHS
2008
p. 307-312
Collection : Actes des congrès nationaux des sociétés historiques et scientifiques (édition électronique)

  Télécharger le document (les articles de plus de 3 ans sont gratuits)

La comunicazione presenta lo status quaestionis sulle navi della Sardegna nel periodo romano, in base alle fonti letterarie, iconografiche, epigrafiche e archeologiche. L'attestazione di naves sardae ( CIL XIV 4142) nelle fonti assicura una continuità d' uso dei porti durante il periodo considerato da parte di navi militari e onerarie. Nella rassegna delle fonti letterarie si evidenzieranno gli autori (tra cui Filostrato) del tutto ignorati nei precedenti lavori sull'argomento. Assai ricco è il quadro dei documenti iconografici inediti sulle navi, tra cui tre graffiti di Karales, Cornus, Turris Libisonis. Infine il contributo dell'archeologia risulta ampio con la presentazione, tra le altre, di una nave individuata a Sulci negli anno trenta del '900 e delle navi di Olbia. I documenti analizzati convergono nell'affermazione dell'esistenza di navalia in Sardinia, in contemporanea con l'inserimento dell'isola nelle rotte delle navi provenienti dai vari porti mediterranei.